top of page
  • Immagine del redattoreMariasole Valentini

DEPRESSIONE: "LASCIAMI" COME "SUPEREROI".

Depressione o melanconia viene definita come "un'alterazione del tono dell'umore verso forme di tristezza profonda con riduzione dell'autostima e bisogno di autopunizione" (pag. 351, Galimberti).

Due tipologie principali si delineano, prendendo in esame l'origine della stessa: se proviene "dal di dentro" e quindi da cause interne all'individuo, si parla di depressione endogena, mentre, se collegata ad avvenimenti esterni quali lutti, perdite o situazioni tristi si parla di depressione reattiva.


Lasciami, Ma fallo in silenzio, Lasciami, Ma ti prego fai in modo che non me ne accorga

(Kekko, Modà, Lasciami, Sanremo 2023)


depressione: "lasciami" come "supereroi".  Per combattere la depressione in ogni sua sfumatura, bisogna per prima cosa riconoscere di non stare bene e aver bisogno di un  aiuto specialistico


Quante depressioni esistono? Le 15 sfumature della depressione.

Più correttamente alle diverse forme depressive vengono attribuiti nomi che richiamano a differenti contesti oppure a diverse modalità di espressione; il Galimberti (2018) ne mette in ordine 15, come segue in maniera sintetica:

  1. depressione anaclitica: così chiamata dallo psicanalista Spitz durante i suoi studi basati sull'osservazione dei bambini ospedalizzati e deprivati dell'affetto materno, caratterizzata dalla tendenza di isolamento dal mondo esterno e dagli adulti che tentano un'interazione con gli stessi bambini;

  2. depressione anancastica: accompagnata da tensione, angoscia, idee ossessive e paranoidi;

  3. depressione ansiosa: in cui la manifestazione dell'ansia assume la forma di angoscia di morte interiore e di perdita della presenza di sé al mondo;

  4. depressione ciclica: che alterna episodi di depressione ed euforia;

  5. depressione climaterica: una forma depressiva associabile alla condizione di modificazioni ormonali nella donna, quindi delle mestruazioni;

  6. depressione da esaurimento: come conseguenza di un sovraccarico emotivo prolungato o perpetrato nel tempo, si manifesta principalmente negli uomini , con ansia, astenia ( mancanza o perdita delle forze), diffidenza ed esplosioni affettive inadeguate;

  7. depressione da sradicamento: che subentra in occasione di trasferimenti o emigrazioni dai luoghi che hanno una connotazione affettiva per il soggetto in questione, come anche la perdita delle routine o abitudini e delle relazioni sociali;

  8. depressione delirante: associata a deliri di colpa inespiabile, di rovina irreparabile, di negazione corporea;

  9. depressione endogena: insorge senza cause apparenti che possano giustificarne l'avvenuta manifestazione;

  10. depressione esistenziale: la persona ha la sensazione di non riuscire mai a raggiungere gli scopi della vita, né i valori che hanno rappresentato le sue aspirazioni;

  11. depressione involutiva: si manifesta dopo sofferenze psichiche o traumi fisici, per cui la persona è fortemente pessimista riguardo alla sua esistenza (compare tra i 40 e i 50 anni nella donna, nell'uomo tra i 50 e i 60 anni);

  12. depressione nevrotica: ovvero "turbe dell'umore in senso depressivo nel corso delle nevrosi" (p.355, Galimberti);

  13. depressione puerperale o post-partum: si verifica sia nella madre che nel padre a seguito del parto;

  14. depressione reattiva: caratterizzata da reazioni successive ad eventi tristi, perdite o lutti;

  15. depressione stuporosa: per la quale il soggetto manifesta un arresto psicomotorio con rigidità del volto, fissità dello sguardo, mutismo e rifiuto del cibo.


Io sto scappando da qualcosa che non voglio, Da una cosa che ho paura di perdere, Questo è un errore che non mi posso permettere, Ho perso tempo a cercare la verità, Ma alla fine mi sono accorto che la risposta era dentro me

(Mr Rain, Supereroi, Sanremo 2023)


Di fronte a questo mal-essere dove cercare una possibile risposta?

Il primissimo passo da compiere è comprendere il proprio malessere e accorgersi che c'è qualcosa che non va rispetto a come si stava precedentemente: c'è un prima e poi un dopo; in questo dopo non si sta bene e ci si rende conto di fare cose o di vivere esperienze che non aiutano il benessere personale, ma che ne possono perpetrare la stessa condizione.


Non puoi combattere una guerra da solo, Il cuore è un’armatura, Ci salva ma si consuma
Camminerò, A un passo da te, E fermeremo il vento come dentro gli uragani, Supereroi, Come io e te, Se avrai paura allora stringimi le mani, Perché siamo invincibili vicini, E ovunque andrò sarai con me, Supereroi, Solo io e te, Due gocce di pioggia, Che salvano il mondo dalle nuvole

(Mr Rain, Supereroi, Sanremo 2023)


La risposta è dentro te, ma da solo non è sempre facile trovarla.

Il supporto dei familiari e degli amici è molto utile per avviare una iniziale presa di coscienza, ma non sempre sufficiente: per questo un aiuto professionale, che si avvale di un costrutto teorico scientifico, permette uno sguardo esterno e fornisce strumenti adatti per scalare questa montagna e raggiungere la vetta: tornare a riappropriarsi della propria vita e salvare il proprio mondo interno e relazionale dalle intemperie delle tempeste emotive e delle convinzioni negative che annuvolano la percezione di se stessi e di ciò che si vive in quel momento.

Ma che giorno è? È il primo giorno senza te, Ho bevuto il veleno e ho capito la parte peggiore di me
Ma che giorno è? È il primo giorno senza te, Ho bevuto il tuo bacio e ho sentito la parte migliore di te, Quella che mi mancherà, quella che non scorderò mai

(Kekko, Modà, Lasciami, Sanremo 2023)


La depressione, le sfumature malinconiche e i sintomi associati sono espressioni di una patologia che può lasciare il segno, che può ripresentarsi in maniera ciclica oppure in situazioni di particolare carico emotivo: avere conoscenza di come "funziona" la propria persona, crescere nelle risorse personali per facilitare la prevenzione e promozione del benessere, avere cura degli strumenti emotivi presenti nel proprio cuore, lasciarsi guardare e accompagnare, consente di ridimensionare il timore di rincontrare quella parte che, come scrive Kekko, " non scorderò mai" .



 

Andreoli V., Cassano G.B., Rossi R. (a cura di) (2001), APA; DSM-IV-TR, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Elsevier, Masson, Milano.

Galimberti U. (2018), Nuovo Dizionario di Psicologia. Psichiatria, Psicoanalisi, Neuroscienze. Feltrinelli, Milano.

Reichenberg L.W. (2015), DSM-5 L'essenziale, Raffaello Cortina Editore, Milano.



Comentários


bottom of page